Gentile Nicola,

Siamo ancora una volta lieti di assegnarti il titolo 2017-2018 Microsoft Most Valuable Professional (MVP). Come sai, si tratta di un premio assegnato ai leader delle community tecniche con doti eccezionali che condividono con altri una straordinaria passione, la competenza sul campo e l'esperienza tecnica dimostrando un impegno esemplare. Apprezziamo davvero il tuo incredibile contributo, relativamente a Microsoft Azure e Windows and Devices for IT, all’interno delle community tecniche durante lo scorso anno.

Il premio Microsoft MVP ci offre un'opportunità unica di celebrare e onorare i tuoi notevoli contributi e di ringraziarti del tuo impegno all'interno della community tecnica.

Di nuovo congratulazioni per il premio MVP.

Microsoft ritiene che le community tecniche svolgano un ruolo fondamentale nell'adozione e nello sviluppo della tecnologia, nonché nell'aiutare i clienti a impiegare in modo vantaggioso i suoi prodotti e servizi grazie alla collaborazione di esperti indipendenti come te. Gli MVP Microsoft fanno parte di un gruppo ristretto di esperti che rappresentano la punta di diamante della tecnologia e condividono un impegno profondo nei confronti della community e il desiderio di aiutare altri colleghi. 
 

Ricevere questa mail ogni anno è per me davvero un onore! Sono davvero contento di aver ricevuto questo prestigioso premio per il 7° anno consecutivo e di essere stato premiato come doppio MVP per il 2° anno consecutivo, rimanendo a far parte di un ristrettissima cerchia di super esperti.

Enjoy!

Nic

È disponibile per il download il Servicing Release di Giugno 2017 per Microsoft Desktop Optimization Pack (KB 4018510), che contiene le correzioni più recenti per il Microsoft Application Virtualization (App-V) 5.1 RTM Client e Remote Desktop Services (RDS), Microsoft BitLocker amministrazione e monitoraggio (MBAM) 2.5 Service Pack 1 (SP1) e Microsoft User Experience Virtualization (UE-V) 2.1 Service Pack 1 (SP1).

Problemi risolti dall'aggiornamento

App-V 5.1 (versione RTM)

Questa versione di manutenzione consente di risolvere i problemi seguenti:

  • La funzionalità macro di Office Click2Run non funziona correttamente con la virtualizzazione di App-V enterprise.
  • Quando due o più pacchetti nello stesso gruppo di connessione (connection group) vengono aggiornati e hanno selezionato "Qualsiasi versione", i pacchetti non vengono pubblicati all'utente.
  • Esiste una condizione di competizione tra gestione catalogo App-V e il servizio di profilo comune. Questa condizione è ora corretta da una nuova chiave del Registro di sistema che controlla il periodo di attesa in Millisecondi
  • La funzionalità di ricerca di Office Outlook non funziona correttamente.
  • AppV Hotfix 7 corregge un problema in cui una funzione del Connection Group Optional feature viene interrotta. Dopo che l’hotfix è stato rilasciato, abbiamo ricevuto report che l'hive del Registro di sistema PackageGroups richiede una maggiore quantità di spazio nelle installazioni che coinvolgono gruppi di connessione di App-V in computer desktop.

 

MBAM 2.5 Service Pack 1

Questa versione di manutenzione consente di risolvere i problemi seguenti:

  • Il client MBAM non consente la rimozione sicura dei dispositivi USB.
  • Il report di conformità MBAM visualizza celle vuote quando il livello di crittografia è impostato su XTS-AES.
  • Si verifica un problema di blocco critico sul server clusterSQL MBAM.
  • Il portale self-service non restituisce le chiavi di ripristino (recovery keys) in determinate circostanze.

UE-V 2.1 del Service Pack 1

Questa versione di manutenzione consente di migliorare le funzionalità seguenti:

Per ulteriori informazioni potete visitare la pagina ufficiale June 2017 servicing release for Microsoft Desktop Optimization Pack

Vi ricordo anche che sono disponibili i nuovi Microsoft Desktop Optimization Pack Group Policy Administrative Templates all’indirizzo https://www.microsoft.com/en-us/download/details.aspx?id=55531

Buon lavoro

Nic 

Pochi giorni fa durante la conferenza Microsoft Build 2017, Joe Belfiore ha annunciato una novità relativa a OneDrive for Business chiamata OneDrive Files On-Demand, che sarà disponibile nella prossima release di Windows 10 chiamata Windows 10 Fall Creators Update (Redstone 3).

Questa funzionalità, richiesta a gran voce dagli utenti attraverso il sito UserVoice, permette di visualizzare in Esplora Risorse i file che sono presenti nel nostro Onedrive senza la necessità di doverli scaricare in modalità offline sulla nostra macchina.

Immaginate di avere centinaia di Gigabyte (qualcuno ha Terabyte!!) di dati online e di non volerli scaricare tutti, ma solo all’occorrenza, quando volete visualizzarli e/o modificarli. Bene! Adesso potete!

Figura 1: I file vengono visualizzati in Esplora Risorse ma non svengono scaricati sul pc locale

Figura 2: Visualizzazione dell'anteprima delle immagini senza che siano state scaricate in locale

 

 

Se volete avere i file disponibili sul pc locale potete comunque cliccare col tasto destro e scegliere Always keep on this device.

Figura 3: Download dei file per averli disponibili sul pc locale

 

In realtà questa feature era già presente in Windows 8 (si chiamava OneDrive placeholders) ma era stata rimossa in Windows 10.

Con OneDrive Files On-Demand è quindi possibile accedere a tutti i file presenti in Cloud senza doverli scaricare e sprecare spazio disco sui vostri dispositivi (tablet, pc, smartphone). Il vantaggio è anche derivato dal fatto che non dobbiamo cambiare modo di lavorare in quanto tutti i file, anche i file online, possono essere visualizzati in Esplora file e funzionano come tutti gli altri file presenti sul dispositivo. Facendo doppio clic sul file, questo verrà scaricato e successivamente aperto.

OneDrive Offline Folders

Altra novità annunciata a Build 2017 è OneDrive Offline Folders. Questa funzionalità permette ai dispositivi mobili di poter accedere ai file di OneDrive anche se non hanno connessione Internet.

Al momento la funzionalità sarà disponibile solo sui dispositivi Android, ma nei prossimi mesi sarà disponibile anche per i dispositivi iOS, agli account Office 365 Personal and Home e OneDrive for Business.

Figura 4: Cliccando sul simbolo del paracadute sarà possibile scaricare i file e le cartelle e renderli disponibili offline

 

La notizia è sicuramente piaciuta a tutti e Microsoft ha dato ascolto alle richieste insistenti degli utenti! Ben fatto!

Nic