Finalmente ho completato il mio percorso di certificazione Veeam, aggiornandolo alla versione 9.5, ottenendo 4 importanti certificazioni:

  1. VMCT   - Veeam Certified Trainer
  2. VMCE   - Veeam Certified Engineer
  3. VMTSP - Veeam Technical Sales Professional
  4. VMSP   - Veeam Sales Professional

Le certificazioni mi hanno dato l’opportunità di conoscere il prodotto in dettaglio, non solo dal punto di vista tecnico, ma anche da quello della vendita.

La Veeam Availability Suite 9.5 è l’ultima release di prodotti che unisce le capacità di backup, ripristino e replica di Veeam Backup & Replication alle funzionalità avanzate di monitoraggio, reportistica e capacity planning di Veeam ONE. Questa suite di prodotti vi permette di proteggere e gestire in modo affidabile sia gli ambienti VMware vSphere che gliambienti Microsoft Hyper-V.

In più con la qualifica di Veeam Certified Trainer posso erogare formazione ufficiale sui prodotti Veeam. Se siete interessati potete visitare la pagina How to: Become a Veeam Certified Engineer (VMCE)

Buon lavoro!

Nic

È stato rilasciato ieri il Servicing Release di Dicembre 2016 per Microsoft Desktop Optimization Pack KB3198158.

Questo Servicing Release contiene gli ultimi aggiornamenti per Microsoft Application Virtualization (App-V) 5.1 RTM Client, Remote Desktop Services (RDS) e per il Server, oltre a Microsoft BitLocker Administration and Monitoring (MBAM) 2.5 Service Pack 1 (SP1).

Problemi risolti dall'aggiornamento

Per App-V 5.1 RTM questa Servicing Release consente di risolvere i seguenti problemi:

  • Alcune funzionalità specifiche per un gruppo vengono erroneamente rese disponibili ad altri gruppi se viene utilizzata la funzionalità opzionale .
  • Se si utilizza la Dynamic Virtualization non vengono chiusi gli handle dei file. Questo problema può fare in modo che Explorer.exe mantenga gli handle di file DLL dopo che la shell extension sia stata chiusa.
  • Dopo la prima sincronizzazione del Connection Group (CG) sul dispositivo, i pacchetti aggiunti successivamente al Connection Group non vengono abilitati.
  • Quando si installa il database di gestione di App-V Server utilizzando gli script SQL, viene segnalato un errore, che ora è stato rimosso.
  • Il tag FullVFSWriteMode in un template di Sequencer viene ignorato. Questo problema non viene però risolto nell'aggiornamento. Tuttavia è stato risolto nel programma di installazione più recente di Sequencer. Per ottenere l’installer più recente contattate il Microsoft Customer Service and Support.
  • Nella console di gestione di Server, l'applicazione di un'azione a un sottoinsieme filtrato dei pacchetti effettivamente applica l'azione a tutti i pacchetti.


Per MBAM 2.5 SP1, questa Servicing Release consente di risolvere i seguenti problemi:

  • Quando più utenti da domini diversi tentavano di accedere contemporaneamente al database si verificava un problema di blocco critico SQL.
  • Un dispositivo che ha un dispositivo rimovibile non crittografato (ad esempio una scheda SD) può causare un aumento dell'utilizzo della CPU.

Miglioramenti che vengono effettuati in questo aggiornamento

Per App-V 5.1 RTM, questa versione di manutenzione effettua i seguenti miglioramenti:

  • L’installer di App-V 5.1 Server adesso punta alla pagina di informativa sulla privacy e alla pagina "App-V 5.1" corrette.
  • Il Client App-V, Desktop e Server ora hanno lo stesso numero di build.


Per MBAM 2.5 SP1, questa versione di manutenzione effettua i seguenti miglioramenti:
 

  • La descrizione della Group Policy e lo script Invoke-MbamClientDeployment.ps1 per il supporto di Bitlocker XTS-AES sono stati aggiornati. Trovate nel Microsoft Download Center i file di download e le procedure di installazione:

 

Potete scaricare il pacchetto di installazione dell’aggiornamento dalla pagina https://support.microsoft.com/en-us/kb/3198158

Buon lavoro!

 

Nic

Lo scorso 26 Luglio ho sostenuto in beta l'esame Microsoft 70-743 Upgrading Your Skills to MCSA: Windows Server 2016 ma solo oggi ho ricevuto il risultato e l'ho superato! Ho ottenuto quindi, tra i primissimi in Italia, la certificazione MCSA su Windows Server 2016.

Gli esami per certificazioni Microsoft vengono sviluppati con cura a partire dall'input di professionisti del settore, per riflettere l'utilizzo dei prodotti Microsoft nelle organizzazioni di tutto il mondo.

  1. Definizione del dominio di competenze: gli esperti individuano le attività fondamentali eseguite all'interno di mansioni specifiche e/o durante l'utilizzo di una specifica tecnologia.
  2. Definizione della distribuzione di competenze in un esame: tali competenze vengono valutate da altri professionisti ed esperti del settore di tutto il mondo. La valutazione costituisce un punto di partenza su cui viene definita la distribuzione di domande nel dominio di competenze.
  3. Scrittura delle domande di un esame: in base al punto di partenza, gli esperti del settore scrivono le domande di un esame per misurare le competenze fondamentali.
  4. Revisione alpha: un comitato di esperti che non ha preso parte alla scrittura si occupa della revisione delle domande per verificare la precisione tecnica, la rilevanza, le competenze necessarie e l'allineamento agli obiettivi.
  5. Beta test: Gli elementi rivisti nell'alfa test vengono quindi testati in una situazione di esame nota come "esame beta". Ciò consente di includere nell'esame reale solo i contenuti più appropriati.
  6. Finalizzazione delle domande: i risultati dell'esame beta vengono analizzati in base a fattori quali difficoltà, capacità di differenziare prestazioni elevate e prestazioni scarse, affidabilità e così via. Solo le domande che rispondono ai criteri psicometrici di Microsoft verranno poi inserite nell'esame reale.
  7. Impostazione del punteggio minimo standard: un comitato di esperti lavora con i professionisti Microsoft in materia di psicometria per stabilire il punteggio di sufficienza. Tale punteggio si basa sulle competenze necessarie per essere considerati competenti nel dominio di pertinenza e sulla difficoltà delle domande incluse nell'esame.
  8. Esame finale: Pearson VUE cura la gestione dell'esame di certificazione finale, in qualità di centro di valutazione indipendente. L'esame è disponibile nei centri di testing di tutto il mondo.
  9. Conferma della validità/manutenzione: dopo la pubblicazione, le prestazioni psicometriche di un esame e la validità e affidabilità delle sue domande vengono monitorate costantemente. Se non sono più valide e affidabili o non garantiscono più buone prestazioni, le domande vengono rimosse o sostituite e l'esame viene ripubblicato.

Partecipazione ad un esame Beta

Una parte fondamentale del processo di sviluppo di un esame è l'esame beta. L'esame in formato beta consente di acquisire informazioni utili per valutare la precisione tecnica, la rilevanza e le caratteristiche psicometriche delle domande prima dell'assegnazione di un punteggio ai candidati.

Come partecipare

Microsoft offre un numero limitato di posti per sostenere gratuitamente gli esami beta, disponibili solo su invito. Gli inviti per partecipare a esami beta vengono inviati per posta elettronica a membri qualificati del database di profili specialisti del settore SME (Subject Matter Expert) Microsoft Learning.. Solo i candidati con esperienza professionale in una determinata tecnologia ricevono queste notifiche.

Vuoi diventare anche tu un Subject Matter Expert? (SME). Allora segui il link https://borntolearn.mslearn.net/b/weblog/posts/smes-who-help-create-exam-content-to-get-credit-for-the-exam 

UPDATE DEL 29/11/2016 Vi invito a leggere l'articolo Prepare for the new MCSA: Windows Server 2016 certification apparso sul Windows Server Blog, che da indicazioni su come conseguire la nuova certificazione. Da leggere assolutamente! :-)

 

Nic